Eccoci alla primavera! L’aria si riempie di profumi e sonori cinguettii, l’aria diventa più calda e i fiori sbocciano colorando la città. Tutto bello dunque? Si certo, ma resta quel sottile senso di colpa che ci dice che abbiamo trascurato di fare qualcosa.

LE PULIZIE DI PRIMAVERA

Vediamo i sei passaggi essenziali per portarle a buon fine:

1. La ricognizione

La prima e più importante cosa da fare è controllare di avere in casa tutto il necessario per portare a termine con la minor fatica possibile questo ingrato compito. Stracci per il pavimento, detergente per i vetri e candeggina non devono mancare, ma anche guanti di gomma, scatole e sacchi della spazzatura. Se vi manca qualcosa procuratevelo subito, non c’è niente di peggio che interrompere un lavoro perché manca il materiale per finirlo.

2. Gli armadi

Spalancate le finestre e lasciate areare.
Dopodiché, con l’aria nuova che pervade tutto, passate al cambio degli armadi. Ricordate, se qualcosa non vi va più regalatelo (anche ad associazioni che si occupano della raccolta di abiti usati) o buttatelo via se non utilizzabile – ridurrete notevolmente il tempo necessario alle pulizie di primavera se non vi attaccherete spasmodicamente a ogni straccetto che conservate per ricordo di quando avevate sedici anni.
Prendete le scatole e cominciate a riporvi tutto ciò che almeno per sei mesi non vi occorrerà d’avere sotto mano.

3. Cuscini e materassi

Importantissimo sarà sbattere con cura materassi e cuscini, facendogli prendere aria almeno una mezza giornata. Questa semplice operazione, spesso trascurata, limita la proliferazione di acari e altri sgraditi, microscopici ospiti all’interno delle tappezzerie.

4. In cucina

Andiamo adesso in cucina: siamo sicuri che questo ambiente, così importante per l’igiene della casa, è già pulito in modo approfondito in ogni stagione – ma per portare una ventata d’aria fresca anche qui, pulite le credenze (svuotandole dei vari vasi, vasetti e pacchetti alimentari) e il frigorifero.

5. Il salotto

Spostate divano e tappeti e fate una pulizia più profonda del solito. Ricordatevi anche, prima di spazzare o di passare l’aspirapolvere, di usare uno spolverino su libri e soprammobili.
Mettete a lavare le tende e quando saranno pronte stendetele con cura all’aperto. Pulite i vetri di tutte le finestre e magari mentre ci siete date un occhiata alle piantine del balcone – dopo un intero inverno avranno probabilmente bisogno di un po’ di cure!

6. I pavimenti

Terminiamo questa giornata di pulizie straordinarie con l’operazione di pulizia più comune e frequente: date dunque un passaggio di straccio (magari in microfibra), ai pavimenti avendo cura di strizzare bene il panno (ridurrete tantissimo così i tempi di asciugatura). In questo modo toglierete anche tutta la polvere che è stata sollevata svuotando gli armadi e sbattendo i cuscini.

A questo punto la vostra casa è finalmente pronta: vi aspetta una bella stagione ricca di passeggiate all’aperto e di bibite sorseggiate su un bel balcone fiorito, senza sentirsi in colpa per aver trascurato le pulizie di primavera.